Paola

Chi è Paola?

In questo atelier di Bergamo, in Via Paglia 5, c’è la presenza di mani operose e di un pensiero creativo che danno forma ad ogni creazione e da quelle prendono forma.

 

Paola Francesca Denti è cremasca. Bergamo ha adottato lei e lei ha adottato Bergamo 18 anni fa e da quel momento sono diventati inseparabili. Gira la città in lungo e in largo, in sella alla bicicletta della nonna ed è sempre in corsa! Ama i campi di pannocchie e di balle di fieno, ha nostalgia delle mattine di nebbia e delle domeniche a pesca con il papà. Classifica i ricordi per odori e colori. Il suo palato è dolce, abituato agli amaretti. E’ una fan di Santa Lucia. Odia il colore arancione ma lo accetta nella sua spremuta mattutina. Non beve caffè e i suoi libri sono sempre girati al contrario perché non ama il colore vivace delle copertine in giro per casa. Il suo piatto preferito? Lo stinco di maiale ma solo con le cipolline dolci!

Ama lavorare nell’assoluto silenzio. Quando pensa ad un’idea si estranea, vola alto e il resto del mondo improvvisamente scompare ma quando poi questa prende forma nella sua mente, lei preme per vederla subito concretizzata.

La inebria il profumo dell’autunno. Cani piccoli al suo fianco? Nemmeno per sogno! 

Ha vissuto 10 vite in 37 anni, vive con le emozioni in tasca e queste generano creazioni che raccontano sempre una parte di sé o di ciò che vorrebbe. 

Paola travolge e stravolge, è caotica, è attenta, è veloce, è diretta, è ribelle e impulsiva, è autentica. E’ il pensiero di cui Clo’et si nutre.

Accedi al tuo account

*Nuovo sito nuovo account! I vecchi account non sono più attivi, effettua una nuova registrazione. Grazie

Alle origini della cultura giapponese vi era l’usanza di unire il proprio Marimo con quello della persona amata, al momento del matrimonio. Così come due persone decidono di convivere sotto lo stesso tetto e condividere le gioie e i dolori, così i loro Marimo troveranno un compagno di vita. Clo’eT onora questa usanza permettendone la sopravvivenza storica e geografica, consigliando di effettuare questo rito dopo il taglio della torta. Lo sposo e la sposa uniranno sotto lo stesso tetto (unico contenitore) i loro due marimo che fino a quel momento erano stati separati!